logo

Comitato Gay e Lesbiche Prato

Benvenuta/o/*

Benvenuta/o/* nel sito del Comitato Gay e Lesbiche Prato

sidebar-text 3gay-pic

MERCOLEDI' 22 FEBBRAIO: A BOCCA APERTA

a-bocca-aperta

Per questo avremmo ed avremo bisogno del sostegno di tutti, tutte, tutt* gli/le/* interessati/e/*. Siamo consapevoli che tale presidio ha un carattere esclusivamente locale, ma riteniamo anche che l'Italia sia fatta di realtà locali, e pensiamo che sia importante impegnarsi a partire dalla propria realtà.

Una Prato non omofobica e rispettosa delle differenze sarà una Prato più vivibile per tutti i suoi cittadini e tutte le sue cittadine. Sperando nella partecipazione o nella adesione al presidio vi salutiamo.

Comitato Gay e Lesbiche Prato.

La grande manifestazione del Pride Nazionale del luglio 2007 a Roma si apriva con le parole chiave "parità - dignità - laicità". Il Comitato Gay e Lesbiche Prato intende promuovere, a partire da questi tre concetti fondamentali e in collaborazione con le forze politiche, le associazioni, i movimenti e le singole persone che vi si riconoscono, una manifestazione pubblica contro l'omofobia ed ogni forma di discriminazione.

Vogliamo rendere visibili le tematiche dei diritti civili delle persone gay, lesbiche, bisessuali e trans e della lotta all'omofobia, lesbofobia, transfobia nella nostra città. Fino ad oggi la città di Prato, il cui tessuto socioculturale ed economico è passato attraverso grandissime trasformazioni, non ha ancora affrontato pienamente queste tematiche, vista la scarsa visibilità in passato delle persone GLBT sul territorio.

Recentemente però, a seguito sia di un generale mutamento degli stili di vita delle persone GLBT in Italia, sia di una maggiore visibilità mediatica (spesso superficiale, semplicistica e spettacolarizzata) di gay, lesbiche e trans, è più evidente agli occhi di tutti/e l'esistenza di persone GLBT nell'area di Prato.

Purtroppo però la persistenza di pregiudizi omofobici, di luoghi comuni e di un generico stigma sociale fa sì che all'aumento della visibilità GLBT corrisponda un aumento di atteggiamenti discriminatori, escludenti, a volte di prevaricazione e violenza verbale o anche fisica. Fra le violenze contro gay, lesbiche e trans comprendiamo anche il tentativo di confondere l'omosessualità con la pedofilia e l'abuso, una mistificazione che ci indigna come cittadini/e impegnati/e contro qualsiasi forma di prevaricazione su soggetti deboli.

Riteniamo quindi fondamentale per le istituzioni politiche, culturali e sociali della città, per il mondo dell'associazionismo e per la cittadinanza tutta un impegno per ribadire:

- la PARITÀ E LA DIGNITÀ piena di ogni cittadino/a indipendentemente dall'orientamento sessuale, dall'identità di genere e da sesso, nazionalità, origine etnica, lingua, religione, status sociale, condizioni di salute o altre condizioni personali

- la difesa della LAICITA' delle istituzioni perché solo attraverso di essa si realizzano pienamente nel nostro paese la democrazia e l'uguaglianza di fronte alla legge

- la PREVENZIONE e la LOTTA ALLA VIOLENZA contro le donne, i gay, le lesbiche, le persone transessuali, i/le minori. Riteniamo che purtroppo tanti atti di violenza ed abuso contro soggetti considerati deboli risultino spesso invisibili, riteniamo fondamentale un impegno costante contro ogni congiura del silenzio, sociale, familiare, istituzionale